Home
 
Google associazionedeicostituzionalisti.it web

 

Care Colleghe e Cari colleghi,

mi spiace dover tornare a Voi con un argomento così fastidioso, ma in qualità di tesoriere mi vedo costretto a ricordarVi che ai sensi di statuto la quota annuale deve essere regolata entro marzo. Purtroppo siamo giunti quasi a fine anno e circa la metà dei soci non ha adempiuto.
Prego quindi chi non l’abbia ancora fatto di volere procedere con la massima sollecitudine, anche in quanto le casse della nostra associazione sono a zero
.
Ricordo quindi gli estremi del c/c dell’Associazione:

C/C N. 000001750437 intestato all’Associazione Italiana dei Costituzionalisti -  tenuto presso UNICREDIT Banca – Agenzia Roma Pitagora (cod. ABI 02008 – cod. CAB 03349)
IBAN: IT-49-S-02008-03349-000001750437

Con l‘occasione faccio presente che l’ultima Assemblea dei soci tenuta a Napoli il 25.10.2007 ha preso specifici provvedimenti relativi ai casi di morosità.
Trascrivo qui di seguito il testo degli articoli revisionati.

Modifiche allo Statuto dell’AIC approvate dall’assemblea dei soci
nella riunione del 26 ottobre 2007

(in neretto sono riportate le modifiche)

Art. 5

Le facoltà e gli obblighi inerenti alla qualità di socio si acquistano dal giorno del pagamento della quota associativa per l’anno in corso, a seguito della comunicazione scritta, da parte del Consiglio direttivo, dell’avvenuta ammissione.
La qualità di socio si perde per dimissioni, per mancato pagamento di due quote annuali consecutive, nonché per gravi motivi.
La delibera di esclusione per morosità è adottata dal Consiglio direttivo dopo aver diffidato il socio, almeno due volte, con lettera raccomandata a.r. indirizzata al suo domicilio.
La delibera di esclusione per gravi motivi è adottata dall’Assemblea, a voto segreto e a maggioranza dei soci presenti, su proposta del Consiglio direttivo, il quale deve previamente sentire il socio ove questi ne faccia richiesta. La delibera di esclusione deve essere comunicata per iscritto all’interessato.

Art. 6

Il pagamento della quota annuale dovrà essere effettuato da ogni socio entro il 31 marzo di ogni anno mediante versamento sul c.c. intestato all’associazione. In caso di ritardo del pagamento oltre tale data sarà dovuto dal socio una penale, per ciascun anno di ritardo, pari al venti per cento della quota annuale.
Tale ultima disposizione non sarà applicata a quanti saneranno la propria posizione debitoria entro il 31 dicembre 2007.

Sicuro della Vostra comprensione e collaborazione invio i migliori saluti

Giuseppe de Vergottini

N.B. ovviamente questo mio messaggio non interessa tutti coloro che abbiano già provveduto agli adempimenti statutari con i quali mi scuso per il fastidio arrecato